Home page - Sito web ufficiale

Lettera aperta di ricercatori e giornalisti scientifici russi contro la guerra in Ucraina
Noi, ricercatori e giornalisti scientifici russi, esprimiamo una risoluta protesta contro le azioni militari avviate dalle forze armate del nostro Paese nel territorio dell'Ucraina. Si tratta di una decisione fatale che causerà enormi perdite umane e minerà le basi del sistema di sicurezza collettiva. La responsabilità per aver scatenato una nuova guerra in Europa ricade interamente sulla Russia.
Questa guerra non ha alcuna giustificazione razionale. I tentativi di sfruttare la situazione nel Donbass come pretesto per lanciare un'operazione militare non meritano alcun credito. È evidente che l'Ucraina non rappresenta una minaccia per la sicurezza del nostro Paese. La guerra contro di essa è ingiusta e del tutto insensata.
L'Ucraina era e resta un Paese che ci è vicino. Molti di noi hanno parenti, amici e colleghi ricercatori che vivono in Ucraina. I nostri padri, nonni e bisnonni hanno combattuto insieme contro il nazismo. Scatenare una guerra per soddisfare le ambizioni geopolitiche della dirigenza della Federazione Russa, spinta da fantasiose e discutibili considerazioni storiche, è un cinico tradimento della loro memoria.
Noi rispettiamo l’ordinamento statale ucraino, che si regge su istituzioni democratiche realmente funzionanti. Comprendiamo la scelta europea dei nostri vicini. Siamo convinti che tutti i problemi nelle relazioni tra i nostri paesi possono essere risolti in modo pacifico.
Scatenando la guerra, la Russia si è condannata all'isolamento internazionale, ad una condizione di paese-paria. Ciò significa che noi, ricercatori, non saremo più in grado di svolgere normalmente il nostro lavoro. Del resto, è impensabile portare avanti ricerche scientifiche senza la piena cooperazione con i colleghi degli altri paesi. L'isolamento della Russia nel mondo significherà aggravare ulteriormente il degrado culturale e tecnologico del nostro Paese, nella totale assenza di prospettive positive. La guerra con l'Ucraina è un passo nel vuoto.
Ci amareggia vedere come il nostro Paese, che diede un contributo decisivo alla vittoria sul nazismo, fomenti oggi una nuova guerra nel continente europeo. Esigiamo l’immediata cessazione di tutte le operazioni militari dirette contro l'Ucraina. Esigiamo il rispetto della sovranità e dell'integrità territoriale dello Stato ucraino. Esigiamo la pace per i nostri paesi.
========================
Ripreso dal post di Carlo Fumian:
Uno storico che apprezzo molto, Niccolò Pianciola, giovane e valente studioso dell'Asia Centrale, ha girato alla Società per lo studio della storia contemporanea (Sissco) questa lettera, scritta poco dopo l'avvio dell'invasione da un gruppo di ricercatori e giornalisti scientifici russi, per condannare l'aggressione militare del loro paese contro l'Ucraina. Scrive Pianciola che si tratta «di un testo importante per la chiarezza della presa di posizione, per il coraggio degli estensori, data l'ulteriore restrizione degli spazi di libertà di parola in Russia, e per il prestigio delle istituzioni in cui lavorano, dall'Accademia delle Scienze Russa all'Università Lomonosov di Mosca». Condivido in pieno, così come condivido il contenuto della lettera.
Ringrazio Niccolò Pianciola e Antonella Salomoni che l'ha tradotta dal russo.
==================================================================================

Si comunica che dal 1° maggio al 15 giugno non è più richiesto il Green Pass per accedere all'Istituto. Rimane fortemente raccomandato l'utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie (mascherine chirurgiche o FFP2).

  La  Sala  di  Studio  mantiene  la  capienza  al  100%  dei  posti  disponibili  fino  a  nuove  disposizioni

 La prenotazione di una postazione in sala studio, da effettuarsi entro le ore 13 del giorno lavorativo precedente, è fortemente raccomandata

                                                                                                                                             LA DIREZIONE

Per informazioni sulla certificazione verde Covid-19 si può visitare il sito del Governo: https://www.dgc.gov.it/web/.

--==--
Link per la Diretta Facebook del 15 aprile 2021

ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO

lunedì8.00-14.00
martedì8.00-14.00, 15.00-17.30
mercoledì8.00-14.00
giovedì8.00-14.00, 15.00-17.30
venerdì8.00-14.00
sabato*CHIUSO   (* aperto il primo sabato del mese su richiesta motivata)

In caso di necessità, si potranno concordare orari di visita al di fuori degli orari previsti, contattando l'Istituto via email (as-ro.prenotazioni@beniculturali.it) o per telefono (0425 24051).

Anche la consultazione dei Catasti storici avverrà unicamente previa prenotazione.

           

 Archivio di Stato di Rovigo Via Sichirollo

  Archivio di Stato di Rovigo Via Sichirollo

San_Bellino

Chiusura per Santo Patrono San Bellino

il 26 Novembre